Tè, il mondo in una tazza: ecco i cinque migliori luoghi dove sorseggiarlo
Quando si parla di tè o “high tea” (cioè il tè con torte e pasticcini), potrebbero venire in mente maestose dimore signorili e fumanti tazze di Earl Grey servito in raffinate porcellane bianche. Ma secondo i viaggiatori del sito di prenotazioni online Booking.com, i posti migliori per assaporare questa squisita tradizione sono ben più esotici.

I data analyst di Booking.com hanno usato i dati interni per trovare le destinazioni migliori per sorseggiare questa gustosa bevanda, scoprendo come le mete più raccomandate siano i piccoli villaggi e le pittoresche cittadine circondate proprio dalle piantagioni di tè.

Haputale (Sri Lanka)
In passato, proprio nel cuore delle montagne dello Sri Lanka, gli inglesi iniziarono a coltivare diverse piantagioni di tè, che potrete visitare ancora oggi con una camminata attraverso l’umida foresta tropicale. Come premio per la fatica, un ottimo tè e splendide viste sul paesaggio circostante.



Mae Salong (Thailandia)
La storia di Mae Salong è ciò che la rende davvero speciale: il villaggio, abitato dai discendenti dei ribelli che lasciarono la Cina a metà del 20°secolo, sembra di conseguenza più cinese che tailandese. In cambio di un posto dove vivere, i fuggiaschi cinesi si impegnarono a coltivare le campagne circostanti, con piantagioni di tè al posto di quelle di oppio. Oggi, questa miscela fragrante è il prodotto principale e la specialità più conosciuta di Mae Salong.



Nuwara Eliya (Sri Lanka)
Ecco un’altra spettacolare destinazione nello Sri Lanka: con le sue dolci colline ricoperte di giungla lussureggiante e punteggiate di cascate, Nuwara Eliya sembra racchiudere un po’ di Inghilterra, con il suo campo da golf, il laghetto da attraversare in barca e l’ufficio postale in stile vittoriano. E questa eredità coloniale si rispecchia anche in alcuni splendidi hotel, luoghi perfetti per un gustoso tè delle cinque.



Darjeeling (India)
Per ammirare la città terrazzata di Darjeeling nel modo più tradizionale possibile, salta a bordo del “trenino” che si arrampica sull’Himalaya. Questa città è molto diversa dal resto dell’India, con la sua aria fresca di montagna e le dimensioni relativamente ridotte che influenzano anche il ritmo della vita dei suoi abitanti. In passato, veniva scelta spesso dai rappresentanti del Governo britannico come ritiro per l’estate, ed è facile capire perché: le spettacolari cime innevate dell’Himalaya, la serenità delle bandiere di preghiera e un tè tra i migliori al mondo.



Munnar (India)
Munnar e le valli circostanti rappresentano l’area di coltivazione del tè più estesa di tutta l’India meridionale. Le piantagioni hanno domato il paesaggio, spingendosi con il loro verde brillante fino al limite della foresta più selvaggia, e il tè prodotto è a dir poco sublime. Il vicino Eravikulam National Park offre viste spettacolari su queste colline ben curate, e ospita flora e fauna in via d’estinzione.

DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
Planisfero
Fotogallery