Italia, itinerari all'insegna del golf
di Cristina Montagnaro
Con quasi 145 campi da golf con almeno 18 buche e una ventina di veri e propri resort golfistici, l’Italia sta diventando sempre più una meta ambita per i giocatori, gli amanti del golf  o anche solo per gli appassionati. Sono  in aumento coloro i quali spinti dalla passione per il green e la voglia di mettere la pallina in buca si avventurano sul “tee” in Italia.

Francia, Turchia, Egitto e Tunisia sono mete in forte crisi, a causa dei recenti attacchi terroristici e perciò il turismo golfistico si sta spostando altrove verso altri indirizzi, come quelli di casa nostra.
Maurizio De Vito Piscicelli, consulente per il turismo della Federgolf, nell’ ultimo numero di “Golf e turismo”, mensile interamente dedicato a questo sport, osserva: «Non  c’è  mai stato un momento migliore per il turismo golfistico italiano, i dati sono in crescita grazie all’assegnazione della Ryder Cup 2022, e all’attività dell’Igto e Italy Golf & More».
Tanti i campi dove si può praticare il golf dal nord al sud Italia ed abbinare una vera e proprio vacanza  come  la scoperta di itinerari nascosti a seconda della regione,  borghi castelli e segreti della gastronomia. Una delle mete che rientra nella classifica dei “Top 100 resorts in Continental Europe” secondo il Golf world è il Verdura Resort,  si trova vicino alla città marittima di Sciacca in Sicilia e ha campi da golf da 18 buche tra ulivi, aranceti e una vista sul Mar Mediterraneo, immersi in una tenuta di 230 ettari. Le buche sono anche vicino al mare e questa è la caratteristica principale di questo paradiso. ( per maggiori informazioni: www.verduraresort.com,  golf.verdura@roccofortehotels.com).

Sempre in Sicilia, questa volta in provincia di Ragusa, il circolo golfistico Donnafugata ha il green di 18 buche a firma di Gary Player, e si snoda tra gli ulivi ed i carrubi tipici della campagna ragusana che si scorge tutta intorno fino alle pendici dell’altopiano che arriva fino a Ragusa. Le 18 buche sorgono in un’area archeologica ed a cento metri dal “tee” della buca 6, è possibile visitare una necropoli greca del VI° sec. a.C. (per maggiori informazioni: info@donnafugatagolfclub.com www.donnafugatagolfresort.com).

In Puglia la vacanza nella classica masseria si trasforma in una vacanza attiva tra il golf e un tuffo nella storia. Perché la Masseria San Domenico risale al XV secolo ed è costituita da una torre d’avvistamento, appartenente ai Cavalieri di Malta. Il San Domenico Golf è un prestigioso campo a 18 buche affacciato sul mare della Puglia: 6300 metri di prati che si rincorrono tra gli ulivi secolari lungo un incantevole tratto di costa adriatica regalando spettacolari scorci sul mare. E’ stata sede di gara per il Grand Final del circuito internazionale Challenge Tour nel 2012 e ha ospitato il 75° Campionato Nazionale Open nel 2014. (per maggiori informazioni: http://www.golfpuglia.it/it/, info@sandomenicogolf.com).
Passando per i campi toscani i giocatori saranno sicuramente soddisfatti visitando le bellezze del monte Argentario anche attraverso i campi dell’Argentario Golf club a Porto Ercole.
18 buche panoramiche per un totale di 6.218 metri. Il percorso è certificato “Agri Cert” bio eco-compatibile e tutti i prodotti usati per la sua manutenzione sono totalmente naturali.
Il campo da golf si trova in un’area naturale protetta a 5 minuti dalla Riserva Naturale Duna Feniglia e a 25 km dal Parco dell’Uccellina. A pochi passi dalla Laguna di Orbetello, dal mare e dai pendii di Monte Argentario. (per maggiori informazioni segreteria@argentariogolfclub.it, www.argentariogolfresort.spa.it).
 
In Piemonte  c’è il circolo il golf club “Le betulle” che è stato realizzato alla fine degli anni 50, in un magnifico ambiente, fatto apposta per il golf. Il campo a 18 buche,  lungo mt. 6.427 (7.029 yards) è stato progettato dall’architetto inglese John Morrison ed è da molti anni nei primissimi posti di tutte le classifiche nazionali ed internazionali. Richiede una tecnica di gioco di prim’ordine. Ospita competizioni al massimo livello continentale. E’ situato ad una altitudine di 590 mt.(per maggiori informazioni http://www.golfclubbiella.it/, info@golfclubbiella.it). Per prestigio golfistico anche il Royal Park I Roveri di Torino (http://www.royalparkgolf.it, info@royalparkgolf.it)  e il Circolo Golf Torino, (http://www.circologolftorino.it, info@circologolftorino.it) che hanno ospitato di recente l’Open d’Italia, massima manifestazione golfistica italiana.
 
Spostandoci in montagna gli appassionati potranno giocare a golf sulla strada del vino  dell’ Alto Adige un nuovo golf club alle porte di Bolzano, ad Appiano, l’ultimo nato tra i campi da golf altoatesini. Inaugurato nell’estate del 2015, il Blue Monster di Appiano deve il suo nome proprio ai numerosi specchi d’acqua, protagonisti del tracciato a 9 buche che si sviluppa su un’estensione di ben 10.000 metri quadrati, autentica oasi di pace a pochissimi minuti da Bolzano. ( per maggiori informazioni www.golfandcountry.it).
 
Nel Lazio i turisti che decidono di visitare la città eterna potranno divertirsi nei nobili campi romani come quelli di: Golf Club Castel Gandolfo, (info@golfclubcastelgandolfo.it,  http://www.countryclubcastelgandolfo.it/ ). Golf Marco Simone ( info@golfmarcosimone.it , http://www.golfmarcosimone.com/it) sede di gioco della Ryder Cup nel 2022
Golf Nazionale ( info@golfnazionale.it, http://www.golfnazionale.it)  Olgiata Golf club (http://www.olgiatagolfclub.com/, segreteria@olgiatagolfclub.it) sede di gioco designata per l’Open d’Italia 2017.
Parco di Roma (info@parcodiroma.it, http://www.golfparcodiroma.it) , Acqua Santa (golfroma@golfroma.it, http://www.golfroma.it/) e Terre dei Consoli( segreteria golf@terredeiconsoli.it, http://www.terredeiconsoli.it).
 
Per trovare il campo da golf  della regione che si desidera conoscere meglio si può visitare il sito della Federgolf all’indirizzo http://www.federgolf.it/golf-club/.
 
 
 
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
Planisfero
Fotogallery