In aereo come in autobus, arrivano i posti in piedi: il progetto è made in Latina
di Luisa Mosello
Poltrone-sedili per viaggiare in piedi Foto Aviointeriors
Posti in piedi. Come in bus, in tram o in metro nelle ore di punta. Solo che in questo caso il mezzo di trasporto è un aereo e le poltrone in questione sono da prendere letteralmente al volo. In realtà si tratta di sedili in verticale, una sorta di schienali su cui appoggiarsi mmmkche occupano pochi centimetri in cabina e permettono un notevole risparmio di spazio. E di conseguenza in termini economici per i passeggeri che li sceglieranno puntando a pagar meno il biglietto.

L'idea è venuta a un'azienda italianissima, la Aviointeriors di Latina che ha presentato al recente Aircraft Interiors Expo 2018 di Amburgo il suo progetto ribattezzato “SkyRider 2.0”. In poche parole: si decolla e si atterra senza sedersi ma al massimo ci si appoggia su una specie di sella con tanto di tubolari di sostegno accanto. Una soluzione che solleticherà non poco i sostenitori del viaggio mordi e fuggi sulle nuvole. Meno per chi ha paura di volare e che non vorrá rischiare di sentirsi poco sicuro. Ma le garanzie in questo senso, ci sono: l'imbracatura c'è e si sta attendendo la certificazione di sicurezza, anche perchè il passeggero dovrà avere la possibilità di evacuare in 90 secondi al massimo.

Inoltre, come si legge nella presentazione il sedile slim "pesa il 50% in meno rispetto alle poltrone di classe economica standard e il ridotto numero di componenti permette dei costi di manutenzione minimi".
Non é la prima volta che si affronta l'argomento: già Ryanair aveva proposto la cosa annunciandone piú volte l'arrivo. Mai concretizzato per una valanga di dubbi e critiche. Staremo a vedere se il nuovo progetto made in Lazio si alzerà in volo.
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
Planisfero
Fotogallery